Contestualmente alla Design Week 2019, il Museo d’Arte Contemporanea di Lissone aderisce con 5 progetti alla programmazione della Repubblica del Design nel distretto della Bovisa di Milano.

Il progetto si ispira al cenacolo leonardesco e più precisamente agli arredi e agli alimenti presenti sulla tavola imbandita; pane e piatti sono infatti gli unici dettagli che connotano il desco su cui si stringono gli apostoli.

Dodici visual designers hanno quindi immaginato di destinare i loro inviti cartacei ad altrettanti commensali affinché possano riunirsi attorno al tavolo “Ultima cena”, progettato dallo Studio Alchimia negli anni Settanta, la cui mise en place è stata affidata all’Atelier Fornasetti.

Completa l’esposizione una serie di taglieri d’artista, facenti parte della Collezione di Ico Parisi, e il reenactment delle “forme commestibili” del panettiere Giovanni Zorzon che il Gruppo N aveva allestito a Padova, nell’ormai lontano 1961, in occasione delle celebre “Mostra contro il culto della personalità e contro il mito della creazione artistica”.

12+1, invito a cena (il pane di Leonardo)
a cura di Davide Crippa e Alberto Zanchetta

MAC, viale Elisa Ancona, 6
Lissone ~ MB

“Il progetto prevede un invito inviato a uno degli Apostoli, nel nostro caso si tratta di San Sebastaino, rappresentato con un coltello. La storia racconta che sia stato scuoiato vivo. Da qui l’esigenza di dichiarare che nessun coltello verrà utilizzato durante la cena!”
(Omaggio a Paul Rand)

Altri autori: Alpaca, Atelier Fornasetti, Studio Alchimia, D+ studio, Gabriele Devecchi, Designwork, EEE studio, Lucio Fontana, JoeVelluto, Gruppo N, LS graphic design, Bruno Munari, Muschi & Licheni, Gio Ponti, Pierre Restany, Mauro Staccioli, Terraneo + Boriani, TomoTomo, Stefano Tonti, Nanda Vigo, We Are Müesli.